Margherita: la storia della regina delle pizze

L’origine della pizza Margherita viene da molto, molto lontano

La pizza è sicuramente uno dei piatti italiani più diffusi ed apprezzati in tutto il mondo, ma la regina indiscussa delle pizze è di sicuro lei, la Margherita.
Sarà forse per la sua semplicità? Oppure per i suoi caratteristici colori simbolo di italianità? Una cosa è certa: tutti adoriamo la pizza Margherita. Perché è quel sapore così semplice e sincero che non delude mai e che non ci stanchiamo mai di gustare.

Ma vi siete mai chiesti da dove viene la pizza Margherita? Molti di voi penseranno già di conoscere la storia della pizza più famosa al mondo. E se non fosse così?

Pizza Margherita: sulle orme della leggenda

1) Vero o falso?

La pizza Margherita nasce a Napoli nel 1889 per mano di un abile pizzaiolo: Raffaele Esposito. Durante la visita a Napoli del re d’Italia Umberto I di Savoia, viene richiesto all’artigiano della pasta di raggiungere la famiglia reale nella sfarzosa reggia di Capodimonte. Qui, recatosi insieme alla moglie, Raffaele Esposito prepara tre varianti di pizza, tra cui la sua nuova creazione: pomodoro, mozzarella e basilico. La regina Margherita (guarda caso) ne rimane talmente estasiata che il pizzaiolo decide di battezzarla con il suo nome.

Questa storia è vera o falsa secondo voi?

margherita

Falsa! In realtà, la pizza Margherita non è stata inventata da Raffaele Esposito.

È vero che il pizzaiolo si fosse recato a corte per preparare le tre varianti di pizza, tra cui la Margherita. Ed è vero anche che la famiglia reale abbia particolarmente apprezzato la bontà delle pizze. Tuttavia, la pizza con pomodoro, mozzarella e basilico esisteva già. Il merito di Raffaele Esposito sarebbe stato, quindi, quello di attribuire il nome della regina ad una pizza che era già ampiamente conosciuta, almeno nella città di Napoli.

2) La prima fonte scritta della pizza pomodoro e mozzarella

Il letterato ed editore Francesco De Bourcard ne parla ad esempio nella sua grande opera “Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti”. Napoletano di origine svizzera, De Bourcard, dopo vent’anni di duro lavoro, pubblica nel 1858 un affascinante affresco della società napoletana, dalle sue usanze e tradizioni, alla sua cucina, ma soprattutto ai suoi personaggi tipici. Ed è proprio in questa raccolta di usi e costumi della Napoli ottocentesca, che troviamo la prima fonte scritta della pizza con mozzarella e pomodoro. Francesco De Bourcard le descrive così: “coperte di formaggio grattugiato e condite collo strutto, e vi si pone sopra qualche foglia di basilico. Si aggiunge delle sottili fette di mozzarella” e “talora si fa uso” del pomodoro.

margherita

Dunque, la pizza pomodoro, mozzarella e basilico esisteva prima dell’infornata a corte di Raffaele Esposito, ma anche prima della pubblicazione dell’opera di Francesco De Bourcard.

3) E se vi dicessimo che c’entra l’America?

Ad oggi non conosciamo una data precisa della sua nascita, ma se è vero che la pizza è uno degli alimenti più antichi della cultura italiana, lo stesso non si può dire della Margherita e sapete perché? Per il pomodoro! Originario delle Americhe e più precisamente dal Perù, solo a partire dal ‘500, con l’avvio delle spedizioni europee nel nuovo continente, è stato possibile importare in Europa l’ingrediente di cui oggi non possiamo proprio fare a meno. E pensate che solo a partire dal ‘600 il pomodoro entrò a pieno regime nella nostra alimentazione mediterranea. Nel secolo precedente, a causa del forte problema della fame, il pomodoro non era mai stato considerato come un alimento per cui valesse la pena coltivare, dato il suo minor apporto di nutrienti per esempio in confronto con le patate – altro cibo di importazione americana.

Alice Pizza: Margherita e non solo

A più di un secolo di distanza, possiamo dire con certezza che nessuno di noi farebbe mai a meno di una pizza Margherita. Ecco perché nei punti Alice, troverete sempre la pizza verde, bianca e rossa ad aspettarvi, oltre a tutti gli altri gusti di pizza, dai più classici ai più originali e particolari.
Sì, perché il segreto di Alice Pizza sta proprio nello sperimentare nuovi abbinamenti e sapori, senza mai abbandonare le tradizionali ricette. Secondo questa filosofia, ogni giorno le nostre pizzerie propongono oltre 60 combinazioni di gusti per voi amanti della pizza sempre alla ricerca di nuove emozioni.
Vi aspettiamo da Alice, per provare tutti i gusti della leggerezza.