A casa di Alice: vi presentiamo Natalia!

La famiglia di Alice si è allargata tantissimo in questi anni.Dal primo punto vendita in Via delle Grazie all’ombra di San Pietro, siamo arrivati in posti nuovi ed inaspettati, incontrando tantissimi pizza lovers. Dal 1990 ad oggi abbiamo fatto conoscere la nostra idea di pizza a tanti nuovi clienti, grazie al sorriso e all’allegria dei nostri collaboratori, membri della grande famiglia di Alice. Ma cosa vuol dire per loro far parte del mondo di Alice? Quali sono i loro desideri e aspirazioni? E soprattutto cos’è per loro la Pizza? 

È da qui che nasce “A Casa di Alice”. Vogliamo raccontarvi la famiglia di Alice dagli occhi delle persone che la rendono speciale ogni giorno.

Siete pronti ad entrare nella nostra casa?

Natalia

Le storie di “A Casa di Alice” continuano. Questa volta abbiamo parlato con Natalia, la nostra sorridente banchista che ci ha raccontato la sua esperienza in Alice. 

Come ti chiami e quanti anni hai?

Mi chiamo Natalia e ho 28 anni.

Da quanto tempo lavori in Alice?

Lavoro in Alice da 5 anni.

Dove lavori?

Adesso sto lavorando per il gruppo di start up.

Di cosi ti occupi?

Sono una banchista: mi occupo del rapporto con il cliente al banco.

Da piccola che lavoro volevi fare?

Da piccola volevo fare l’infermiera.

Come mai?

Perché mia madre è un’infermiera e mi ha trasmesso la sua passione. Presto,infatti, mi laureerò in infermieristica.

Se lavori di giorno, quando studi?

Studio la sera e la notte, mentre la mattina vado all’università per il tirocinio.

Se fossi un gusto di pizza quale saresti? 

Sarei una Cacio e Pepe.

Perché?

Perché il profumo del formaggio mi piace tantissimo.

Che cos’è che piace di più ai tuoi clienti dell’esperienza di venirenel punto vendita di Alice?

I clienti quando vengono da Alice apprezzano tantissimo il sorriso e la disponibilità delle banchiste che li servono.

Qual è il momento della tua giornata lavorativa che preferisci?

Il momento che preferisco è l’ora di pranzo e di cena, quando le persone trascorrono le loro pause qui da Alice, magari dopo una giornata di lavoro, e vogliono godersi un pezzo di pizza in tranquillità. Questi momenti sono belli perché noi banchiste possiamo dare loro una parola di conforto o un semplice sorriso, tra una spiegazione e l’altra dei gusti di pizza che serviamo.

3 parole che descrivono la pizza secondo te: aggettivi, verbi,quello che vuoi.

Sapore, semplicità, colori.